Prega prima per te stesso!
22 Ottobre 2020
Prega per la missione che hai ricevuto!
27 Ottobre 2020

Test rapido

Noi sappiamo che siamo passati dalla morte alla vita, perché amiamo i fratelli

(1 Giovanni 3:10)

Lo Spirito Santo guidò spesso l’Apostolo Giovanni a collegare l’autenticità della fede cristiana all’amore fraterno. 

Nel Vangelo: “Da questo conosceranno tutti che siete miei discepoli, se avete amore gli uni per gli altri (13:35).

Nel nostro capitolo: “In questo si distinguono i figli di Dio dai figli del diavolo: chiunque non pratica la giustizia non è da Dio; come pure chi non ama suo fratello (v. 10).

Sebbene i riferimenti sarebbero molti di più (non limitati agli scritti giovannei) da questi testi appare chiaro che l’amore fraterno è sintomo certo di fede autentica. 

In particolare, il nostro versetto è una specie di test rapido di autovalutazione: “Vogliamo essere sicuri di essere passati dalla morte alla vita? La prova è questa: che amiamo i nostri fratelli!”
Chiunque oggi inventasse un test rapido (e affidabile) di autovalutazione per l’infezione da SARS-CoV-2 sarebbe perlomeno candidato al premio Nobel, eppure avrebbe soltanto contribuito a individuare una malattia fisica.

Il test del nostro versetto, invece, fa la differenza tra la vita e la morte spirituale, permettendo di valutare la nostra salute spirituale.

Carissimi, pensiamoci un attimo: quali sono i sentimenti che prevalgono in noi quando pensiamo ai fratelli?

Riguardo alla Comunità locale, c’è l’affetto fraterno, la benevolenza e il desiderio della comunione o prevale l’individualismo?

Davanti alla debolezza e alle mancanze, c’è il perdono o domina il giudizio? 

Davanti alle necessità e alle difficoltà, c’è distacco e indifferenza o si manifestano sincero interesse e disponibilità?

Le domande potrebbero continuare a lungo… ma il senso del discorso è chiaro: se vogliamo testare il nostro cristianesimo, pensiamo alla nostra Comunità, al volto di ciascun membro, alle famiglie che la compongono andando oltre le affinità, i legami di parentela e le amicizie. 

Che cosa proviamo per “quella gente”? 

La risposta del nostro cuore, rivelerà molto della nostra salute spirituale.

Se dovessimo scoprire indifferenza, distacco (o perfino disprezzo), chiediamo perdono al Signore e ravvediamoci!

Se ci sarà amore e affetto, facciamo in modo di metterlo in pratica con atteggiamenti, azioni e parole conseguenti.


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.