Conseguenze
24 Luglio 2017
Il nemico del mio nemico
10 Agosto 2017

Siamo muli o pecore?

Non siate come il cavallo e come il mulo… la cui bocca bisogna frenare con morso e con briglia, altrimenti non ti si avvicinano!
(Salmo 32:9)

 

Le pecore ascoltano la sua voce, ed egli chiama le proprie pecore per nome e le conduce fuori… va davanti a loro, e le pecore lo seguono.
(Giovanni 10:3, 4)

 

La comunione che Cristo desidera con noi non nasce dall’interesse (Gli sto vicino perché “mi conviene”) né dalla paura (Gli sto vicino sennò “mi punisce”).

È un attaccamento che scaturisce dall’amore, che è nel cuore dei redenti nei quali la Parola di Dio ha fatto breccia e ha trovato dimora stabile.

Dio potrebbe costringerci ma ha scelto di convincerci con il Suo amore e con la Sua Parola ad avvicinarci a Lui e a vivere in comunione con Lui. E anche quando ci attira, lo fa con corde che sono corde d’amore.

Come credenti (pecore) e come gregge (comunità) non possiamo perdere il desiderio di ascoltare la voce del Pastore e di seguirLo per i sentieri, nei pascoli ed anche nelle valli dove Lui, sempre, va avanti a noi.

E, se viviamo in questo modo, sarà impossibile isolarci dal gregge, viverne distaccati, non desiderarne la compagnia. Rimane un fatto: troppo spesso nel nostro rapporto con Cristo e con la Sua Chiesa, più che comportarci da pecore ubbidienti, agiamo come muli riluttanti.

Carissimo, non è giudizio e non è per pessimismo, ma è solo un amorevole invito a non perdere di vista che ciò che ci lega a Cristo, ci lega anche ai fratelli. Nessuno può pensare di andare d’accordo con Lui e di isolarsi dai Suoi. Tu hai bisogno dei fratelli e loro (ti sembra incredibile?) hanno bisogno di te.

Perciò, questa settimana, proprio all’inizio del periodo in cui più rischiamo di perderci di vista, assicuriamoci di stare vivendo in comunione con Cristo e a desiderare di stare con i fratelli, sapendo che là il Signore ha ordinato che sia la benedizione, la vita in eterno.

Dio ci benedica! Insieme.


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.