Servire in un mondo indegno

“… di loro il mondo non era degno”

 (Ebrei 11:36-40)

Il capitolo 11 della Lettera agli Ebrei, quello dei “testimoni della fede”, non racconta soltanto storie di credenti “famosi e vittoriosi”. Negli ultimi versetti, infatti, ricorda diversi esempi di fede difficili e dolorosi, parlando di uomini e donne che furono torturati perché non accettarono la loro liberazione, per ottenere una risurrezione migliore…  e di altri che… furono messi alla prova con scherni, frustate, anche catene e prigionia… e di altri ancora che… Furono lapidati, segati, uccisi di spada; andarono attorno coperti di pelli di pecora e di capra; bisognosi, afflitti, maltrattati… erranti per deserti, monti, spelonche e per le grotte della terra.

Riguardo a questi “eroi della fede” lo Spirito Santo dice che… “di loro il mondo non era degno”, conferendogli un onore e una posizione straordinaria, pur senza nominarne neanche uno.

Si tratta di bellissimi esempi di fede, di uomini e donne che si spinsero al limite, restando fedeli nelle difficoltà, pagando il prezzo più alto per onorare Dio, per servirLo, fino alle estreme conseguenze.

Cari amici e fratelli, le storie di questi credenti innominati possono incoraggiarci a servire il Signore (a continuare a farlo, a ritornare a farlo) anche se il nostro impegno ci sembra inutile, incompreso, perfino disprezzato.

È ovvio che a tutti fa piacere quando il proprio servizio è apprezzato e ricompensato, ma il nostro versetto ci ricorda che, seppure ci troviamo a servire il Signore in favore di “chi sembra non esserne degno”, non solo non ci dobbiamo amareggiare e non dobbiamo mollare, ma dobbiamo continuare, ricordandoci Chi stiamo servendo e perché lo stiamo facendo e, soprattutto, che, anche se nessuno dovesse mai apprezzarci, lo farà Lui, di Persona, nel cielo!

Del resto, chi più di Lui, che fu disprezzato, detestato e rigettato, può apprezzare il valore di un servizio svolto in favore di chi non lo merita?

Grazie Signore Gesù!


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.