Il servo non è più importante del suo signore
2 Luglio 2020
Odiato senza motivo
7 Luglio 2020

Sei contento?

Gesù disse loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà mai più sete

(Giovanni 6:35)

Continuando i nostri discorsi sulla bellezza della vita cristiana, oggi parleremo dell’appagamento che Dio dona ai Suoi figli.

Essere contenti, soddisfatti e completi è una grande benedizione che rende la vita cristiana non solo degna di essere vissuta, ma efficace in ogni sfera: personale, familiare e sociale.

Chi è appagato non è facilmente vittima di scontentezza, insoddisfazione, recriminazioni, malumori, invidia, rivalità, rancore, insicurezza, avidità, bramosia… 

Quante vite e relazioni sono lacerate o distrutte a causa di questi impulsi?

Perché l’umanità è così afflitta da questi mali?

Il più delle volte cerchiamo colpevoli all’esterno dell’uomo: il diavolo, i valori superflui, illusori e deteriori della nostra società, il fallimento della cultura, della religione e praticamente di qualunque istituzione umana. 

Non v’è dubbio che sia così, soprattutto per chi non ha mai realizzato la grazia di Dio, ma come mai esistono anche tanti cristiani insoddisfatti?

La risposta si trova nella storia di una generazione cui Dio provvide ogni giorno la manna ma che non fu mai veramente “sazia”. Generazione lamentosa e mormoratrice, perì nel deserto perché il loro problema era un cuore malvagio e incredulo che gli fece perdere la Terra Promessa.

E noi fratelli, come viviamo i nostri giorni?

Nella continua recriminazione o “con animo contento”?

Abbiamo fiducia in Dio o dubitiamo del Suo amore e della Sua provvidenza?

Se veramente conosciamo Cristo e siamo stati dissetati da Lui, certamente saremo appagati in Lui, perché chi crede in Lui non avrà mai più sete!

Se invece, per qualunque ragione, stiamo vivendo un periodo di incomprensibile insoddisfazione, cerchiamoLo subito, perché, come sempre, chi va a Lui, mangerà, sarà saziato e ne avrà d’avanzo.


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.