Su chi ti appoggi?
20 Aprile 2015
Dillo a Gesù
5 Maggio 2015

Resta al tuo posto!

L’angelo del Signore le disse: «Torna dalla tua padrona e umiliati sotto la sua mano»
(Genesi 16:9)

 

Agar era una serva egiziana che Sara diede per moglie ad Abramo perché gli desse un figlio. Quando restò incinta, lei disprezzò la padrona creando tensione nella famiglia.

Trattata duramente, fuggì e, con tutta probabilità, si avviò verso l’Egitto, viaggiando da sola, per una strada difficile e pericolosa.

Agar era in parte causa del suo stesso male e davanti alla situazione difficile non trovava altra soluzione che ritornarsene nel paese d’origine, dove, senza molti scrupoli, era stata venduta.

Lungo la strada, mentre faceva provvista di acqua, l’angelo del Signore la trovò e le ordinò di ritornare al suo posto, promettendole benedizione per il figlio che portava in grembo.

Questa parola stamattina c’incoraggia a rimanere al nostro posto quando siamo tentati di tornare indietro, dimenticando che, nonostante le contrarietà, ci conviene restare laddove Dio ci vuole.

La tenda di Abraamo era un luogo dove Dio era conosciuto, creduto e adorato mentre l’Egitto era un luogo d’idolatria e superstizione.

La famiglia di Abraamo era quella che l’aveva acquistata, mentre nella sua patria lei era stata ceduta come merce qualsiasi.

Perché tornare indietro? A fare che cosa?

Carissimo nel Signore, fuggire quando le cose si complicano, non è sempre la soluzione migliore, soprattutto quando la fuga t’allontana dalla volontà di Dio, dalla Sua presenza, dalla Sua benedizione.

Se, pressato da difficoltà inattese o prolungate, stai progettando di ritornare a vecchi metodi, passate abitudini e antiche amicizie, rinunciando alla Parola di Dio sperando che le cose migliorino, sappi che questa non è la soluzione.

C’è un solo luogo dove ti conviene stare: al centro della volontà di Dio, aspettando fiducioso nelle Sue promesse.

Anche se sembrano impossibili, anche se ogni giorno che passa, sembrano sempre più incredibili … tu resta al tuo posto: se tarda, aspettalo; poiché certamente verrà; e non tarderà!


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @Buonasettimana

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.