Ingredienti per una preghiera efficace
7 Giugno 2012
Dove tu sprofondi, Lui sta saldo
20 Giugno 2012

Quello che getti nella fornace

«Non erano tre, gli uomini che abbiamo legati e gettati in mezzo al fuoco ardente?»
(Daniele 3:24)

Nabucodonosor realizzò una statua per celebrare la sua grandezza. Qualunque cosa rappresentasse, era un idolo che pretendeva adorazione. I tre giudei non avevano alcuna intenzione di prostrarsi, pronti a morire. E così furono gettati nel fuoco della fornace che – con tutta probabilità – era servita a fondere l’oro per forgiare l’idolo.

Quella fornace avendo ricevuto l’oro dell’arroganza del potere umano… non aveva potuto che produrre l’idolo della sua incontenibile presunzione.

Quando, invece, in essa fu gettata “la fede” dei giovani giudei… il risultato fu la rivelazione del Figlio di Dio che preservò i Suoi dal fuoco. Il re, infatti, disse: “Io vedo quattro uomini, sciolti, che camminano in mezzo al fuoco … e l’aspetto del quarto è simile a quello di un figlio degli dèi”.

Pietro scrive: È necessario che siate afflitti da svariate prove, affinché la vostra fede, che viene messa alla prova, che è ben più preziosa dell’oro che perisce, e tuttavia è provato con il fuoco, sia motivo di lode, di gloria e di onore al momento della manifestazione di Gesù Cristo (1 Pietro 1:6, 7).

Carissimi, il problema oggi non è la fornace (la crisi, la malattia, le difficoltà, la persecuzione), ma quello che vi getti dentro.

Le difficoltà, come fa la fornace con l’oro, formano l’ego umano, lo esaltano, lo mettono al centro. Con la depressione o l’autoesaltazione, arrendendosi o combattendo… l’uomo naturale nella prova dà il meglio o il peggio di sé, spesso entrambi.

Quando invece la prova investe “la tua fede nel Dio vivente”, la cosa più sorprendente, perfino per il nemico, è la capacità di resistenza, la libertà nella difficoltà… che non dipende dalle tue qualità e capacità, ma dalla presenza di Gesù!

Amato in Cristo, non ti stupire per la fornace accesa sulla tua strada ma considera questo: mentre il nemico crederà di vederti soccombere, dovrà notare accanto a te la divina presenza del Figlio di Dio che fortifica la tua fede mediante la prova, facendoti realizzare vittorie e benedizioni che nemmeno immaginavi potessero esistere.