Non fatevi sconfiggere
5 Ottobre 2015
Se Dio pensasse soltanto a Sé stesso
19 Ottobre 2015

Prendi le distanze!

Non mi proporrò nessuna cosa malvagia; detesto il comportamento dei perversi; non mi lascerò contagiare… (Salmo 101:3)

 

Davide sta parlando con Dio e si ripromette di stare lontano dal comportamento dei malvagi e dice: “Non permetterò che mi si attacchi addosso”.

In un’epoca di relativismo morale come la nostra, le parole del salmista potrebbero apparire drastiche, estreme, esagerate.

Bisogna, però, riconoscere che la maleducazione e la violenza, l’illegalità e l’immoralità, la superficialità e la buffoneria, la maldicenza e il pettegolezzo sono assai contagiosi e dinanzi ad essi non è possibile restare “neutrali”. Il rischio, infatti, è che si attacchino su di noi, come un virus, prima latente, poi letale.

Davide non è un bacchettone pretenzioso che disprezza e condanna gli altri, ma è un uomo di fede che desidera mantenersi puro per servire Dio come a Lui piace.

Sappiamo bene che egli non fu esente da peccati, anche gravi, ma sappiamo pure che rimase legato al Signore e che, quando fu convinto di peccato, si ravvide sinceramente.

Carissimi, nessuno di noi può pensare di essere perfetto, ma nemmeno è giusto arrendersi alla mediocrità, al compromesso e al peccato, lasciando “diluire” la nostra testimonianza cristiana in un mondo senza più freni.

Perciò, rifiutando un bigottismo fanatico e orgoglioso, scegliamo di essere integri e di non permettere al peccato “di attaccarsi alla nostra vita”.

Per farlo, c’è un solo modo: Attaccarci noi a Cristo, Colui che col Suo sangue ci ha redenti e che ci purifica da ogni peccato.

Lui, di certo, ci preserverà.


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @Buonasettimana

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.