Bella, ma inutile
5 Dicembre 2016
Che nessuno resti da solo
19 Dicembre 2016

Prega e canta!

Verso la mezzanotte Paolo e Sila, pregando, cantavano inni a Dio
[Atti 16:25]

Esistono delle “notti” per ciascuno di noi, quando il sonno fugge e paure e preoccupazioni non danno tregua, facendoti sprofondare nello sconforto.

Che cosa puoi fare? A chi ti rivolgi?

Non sempre puoi svegliare chi ti dorme accanto, e quando perfino il più nottambulo dei tuoi amici non è più online da ore, con chi ti puoi sfogare?

In che modo ti puoi liberare da quest’angoscia che toglie il respiro?

Paolo e Sila, così lontani nel tempo, ci hanno tramandato un metodo immortale e infallibile: “Nella notte più buia, non lasciarti abbattere, ma prega e canta!”

Bloccati con catene e ceppi, coperti di lividi e ferite, tenuti svegli dal dolore e dai pensieri, essi non si abbandonarono a lamenti e recriminazioni, ma si misero a pregare, cantando.

La storia che segue, il terremoto che spalanca le porte, scioglie le catene e apre i ceppi, il carceriere che cercando la morte trova la vita e una famiglia evangelizzata e salvata, trasformano quella notte buia in una memorabile e benedetta missione, dove Cristo è glorificato.

Carissimo, se questo messaggio ti giunge mentre passi una notte difficile, consideralo un incoraggiamento a non lasciarti andare, a non scoraggiarti.

Per quanto difficile sia la tua situazione, reagisci pregando e cantando a Dio.

E aspetta il Suo intervento, perché Egli non abbandona quelli che confidano in Lui.

Ci credi?


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.