L’inconsapevolezza del bene
16 Gennaio 2017
Ma chi credi di essere tu?
30 Gennaio 2017

Nulla senza di Lui

Il governatore della prigione affidò alla sorveglianza di Giuseppe tutti i detenuti che erano nel carcere; e nulla si faceva senza di lui
[Genesi 39:22]

“E quanto c’era da fare là dentro, lo faceva lui”. La sintesi del ruolo di Giuseppe nella prigione dove era stato rinchiuso è stupenda.

Essendo egli una figura di Cristo, questa parte della sua storia ci è di incoraggiamento.

Come Giuseppe, anche Gesù “è sceso” per fare del bene a dei prigionieri e come il patriarca, quello che c’era da fare, l’ha fatto Lui.

Carissimi, ancora una volta, mentre iniziamo una nuova settimana, ci vien ricordato che Gesù è Colui che crea la fede e la rende perfetta.

Tutto quello che c’era da fare, Egli l’ha fatto: la rivelazione, la redenzione, il perdono dei peccati sono opere compiute, cui nulla deve o può essere aggiunto.

Egli ha completato l’Opera: a noi non resta che credere, chiedere e ricevere, per la Sua infinita grazia.

Se Lui ha fatto e fa tutto, noi che cosa dobbiamo fare?

Restare con Lui, fidarci di Lui, ubbidire alla Sua Parola, e lasciarLo lavorare: in noi, per noi e per mezzo di noi.

Or a colui che può, mediante la potenza che opera in noi, fare infinitamente di più di quel che domandiamo o pensiamo, a lui sia la gloria nella chiesa, e in Cristo Gesù, per tutte le età, nei secoli dei secoli. Amen (Efesini 3:20, 21).


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.