Ci è voluto molto più di un click
26 Ottobre 2015
Né timorosi, né temerari
10 Novembre 2015

Non sarò deluso

Ma il Signore, Dio, mi ha soccorso; perciò non sono stato abbattuto… e so che non sarò deluso
(Isaia 50:7)

 

Molti passi di Isaia sollecitano la domanda, come quella dell’Etiope: Di chi dice questo il profeta? Di sé stesso, oppure di un altro?” (Atti 8:34). Questo è uno di quelli. Qui è il Messia che parla: Sfidato, oltraggiato e accusato resta saldo, fiducioso e vittorioso.

Questo versetto però, parla anche di me e di te, di noi che abbiamo iniziato a confidare in Dio e che, sorretti dalla Sua grazia, possiamo realizzare la stessa fede, con la medesima fermezza e determinazione che da essa procedono.

Non sarò deluso! Stamattina puoi dirlo a te stesso, fidandoti del Signore. Devi dirlo al tuo cuore che, al risveglio del mattino, si è cominciato a domandare se le benedizioni di ieri sono veramente solide o se svaniranno come neve al sole, prima di sera.

Non sarò deluso! Devi dirlo all’avversario dell’anima tua, se e quando vorrà mettere in dubbio la fedeltà di Dio nel mantenere le promesse che ti ha fatto. Quando, magari in un momento di difficoltà, ti consiglierà di mollare, perché… “Forse ti sei sbagliato, forse Dio non ti ha veramente chiamato”.

Non sarò deluso! Lo dovrai dire davanti alle circostanze avverse, ai contrattempi fastidiosi, alle cadute improvvise, a chi metterà in dubbio la tua fede, deriderà o ostacolerà la tua consacrazione.

Non farne mai una questione personale, sennò diventerai risentito e rancoroso, non provare a venirne fuori con le tue sole forze perché ti stancherai e ti scoraggerai e non lasciarti buttare giù.

Continua, soltanto, a confidare in Dio.

Perché Lui – stanne pur certo – non ti deluderà. Mai!


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @Buonasettimana

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.