Nulla senza di Lui
23 Gennaio 2017
Il privilegio di dare
6 Febbraio 2017

Ma chi credi di essere tu?

Chi sei tu che replichi a Dio? (Romani 9:20)

 

Nel capitolo l’Apostolo spiega l’agire sovrano di Dio, ricordando che “Dio è Dio” e che il Suo operare è incensurabile.

Che il mondo Lo ignori o discuta la Sua volontà è normale, naturale, scontato.

Quelli che si definiscono cristiani, invece, che cosa dicono?

Purtroppo, sembra che stia prevalendo un cristianesimo “contestatario” nei confronti di Dio, che mette in dubbio la Sua Rivelazione, ritenuta inverosimile, i Suoi precetti, considerati retrogradi e il Suo agire perché non sembra giusto.

Un tale approccio, oltre a compromettere il rapporto personale con Lui, depotenzia il vero cristianesimo, “svuotando” la chiesa delle energie divine previste perché essa sia la “luce e sale” su questa terra, per annunciare Cristo, per portare speranza ai perduti.

Carissimi nel Signore, esaminiamoci se nei nostri pensieri, parole e azioni non si stia manifestando un atteggiamento “polemico” nei confronti di Dio, della Sua Parola, dei Suoi piani e del Suo agire.

Quanti di noi ci stiamo preoccupando troppo che il mondo, la chiesa, la famiglia vadano come piace e conviene a noi e siamo “arrabbiati” con Dio perché Lui non fa come diciamo noi?

Ma stiamo scherzando? Chi ci crediamo di essere?

Non è forse arrivato il tempo che, noi che ci chiamiamo cristiani, torniamo a pregare così: “Venga il Tuo regno; sia fatta la Tua volontà”?

E, qualunque cosa Dio comandi, a rispondere così: “Non la mia volontà, ma la tua sia fatta”?

E, qualunque cosa Egli faccia, a reagire così: “Il Signore ha dato, il Signore ha tolto; sia benedetto il nome del Signore”?

Signore aiutaci!


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.