L’Unico che ti conosce veramente

Lasciala stare, poiché l’anima sua è amareggiata, e il Signore me l’ha nascosto; non me l’ha rivelato (2Re 4:24)

Eliseo, uno dei profeti più straordinari della Bibbia, fece grandi miracoli e Dio gli concesse di conoscere cose che nessuno poteva sapere, tanto che fu descritto così: “Il profeta che vive in Israele comunica al suo re ogni tua parola, anche quelle pronunziate nella tua camera da letto!”

In un’altra occasione Eliseo fu in grado di “vedere” l’azione del suo servo mentre si approfittava di Naaman per soddisfare la sua avidità: “Io ero presente in spirito quando quell’uomo è sceso dal carro per venirti incontro”.

Eppure, nel brano che abbiamo letto, il Signore lo aveva tenuto all’oscuro, non rivelandogli che una donna che lui stimava stava vivendo un momento di doloroso travaglio: il suo giovanissimo figlio, nato per miracolo, era morto improvvisamente.

Dal racconto biblico apprendiamo che Eliseo fu usato dal Signore per riportare in vita il ragazzo con grande gioia dei genitori.

Questa storia ci può essere di grande aiuto per gestire al meglio le nostre amarezze e affrontare i nostri momenti di difficoltà: nessuno uomo, nemmeno il migliore, nemmeno colui che più ci ama è in grado di conoscere e comprendere tutto di noi!

Come Eliseo, il grande profeta, non poteva sapere che cosa ci fosse nel cuore di quella madre in lutto, così anche il migliore di noi non sempre è in grado di comprendere il dolore di chi gli sta accanto, anche se con i migliori sentimenti.

Con questo non intendiamo scusare l’indifferenza di chi non si cura del dolore del prossimo, ma, piuttosto, correggere la reazione amareggiata di chi “non si sente capito” dagli altri, precipitando nel giudizio, nella disperazione e nella solitudine.

Se questo messaggio ti giunge mentre nessuno capisce il tuo dolore e nessuno – nemmeno chi ti ama tanto – è in grado di aiutarti, vogliamo parlarti di Gesù, di Colui che è l’Onnisciente e, che molto più di Eliseo, sa tutto, di tutti e da sempre.

Lui oggi è accanto a te per ascoltare la tua preghiera e, con il Suo immenso amore, stemperare la tua amarezza, donandoti una consolazione divina!


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.