L’Unico che merita l’attenzione

Pietro, con Giovanni, fissando gli occhi su di lui, disse: «Guardaci!» 

Pietro, visto ciò, parlò al popolo, dicendo: «Uomini d’Israele… Perché fissate gli occhi su di noi…?»  

(Atti 3:4, 12)

“Guardaci!”, “Perché guardate a noi?”

Queste due domande descrivono il segreto del “successo” non tanto e non soltanto di Pietro e Giovanni, ma della chiesa dei primi anni: “attirare” l’attenzione giusto il tempo per “dirottarla” su Cristo per proclamare il Suo Nome e la Sua opera completa di redenzione realizzabile mediante la sola fede.

Il successo di cui abbiamo parlato produsse la salvezza di molte persone che accettarono l’invito al ravvedimento, dopo la guarigione dello zoppo, presso la Porta Bella.

Quel successo, però produsse anche una notte in prigione per gli apostoli che il giorno dopo pronunciarono una delle frasi più straordinarie del libro degli Atti: “In nessun altro è la salvezza; perché non vi è sotto il cielo nessun altro nome che sia stato dato agli uomini, per mezzo del quale noi dobbiamo essere salvati”.

Fin dal giorno di Pentecoste la “comunicazione” degli Apostoli non cercò mai di concentrare l’attenzione su loro stessi né di porre eccessiva enfasi sull’eccezionalità degli eventi (le lingue di fuoco, il suono come di vento impetuoso, il parlare in lingue, i miracoli…), ma di “esaltare” Cristo promuovendo la salvezza mediante la fede in Lui.

Quanto c’è bisogno oggi di una Comunità e di credenti che “si mettano in mostra” quanto basta, giusto il tempo per poter indicare, in Cristo, il Salvatore, Colui che fa grazia a tutti i peccatori che si ravvedono, che libera chiunque invoca il Suo Nome e accoglie qualunque persona che si rivolge a Lui sinceramente.

Carissimi amici e fratelli, questo è quello che serve oggi nella nostra società e che, speriamo, noi vogliamo essere: dei “deviatori” di attenzione verso Cristo perché tanti possano vederLo, conoscerLo, amarLo e servirLo come è stato concesso a noi!

Dio ci benedica e ci aiuti!


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.