Se lo dice Gesù, si può fare! [A. A. Esposito]
5 Dicembre 2014
Solitudini diverse [A. A. Esposito]
24 Dicembre 2014

L’unica soluzione

Convertimi, e io mi convertirò, poiché tu sei il Signore, il mio Dio
(Geremia 31:18)

 

Il profeta Geremia è incaricato di presentare un messaggio duro, di riprensione e correzione, ma anche di grande speranza.

La giustizia di Dio esige una punizione, ma il Suo amore per Israele rimane: “Sì, io ti amo di un amore eterno; perciò ti prolungo la mia bontà”.

Le promesse di Dio per il ristabilimento del Suo popolo sono chiarissime: “C’è speranza per il tuo avvenire”.

La severità e la bontà di Dio producono un ravvedimento che si manifesta in una semplice preghiera: “Tu mi hai punito, come un vitello non domato; convertimi, e io mi convertirò, poiché tu sei il Signore, il mio Dio…”.

Dio punisce, la Sua azione produce un pentimento e un’impellente necessità di cambiare, unita alla frustrante consapevolezza di non essere in grado di farlo. Questo, però, non porta alla disperazione né alla rinunzia, ma ad una semplice preghiera: “Convertimi, e io mi convertirò”.

Caro amico e fratello, la semplice lezione di questa mattina che viene da questa preghiera è di grande consolazione: Se Dio sta parlando al tuo cuore mentre sei lontano da Lui o stai pagando conseguenze della tua condotta ribelle o insensata, nel momento che Egli ti corregge e comprendi la necessità di tornare, se ti avvedi di non riuscirci da solo, se ti accorgi che la tua vecchia vita e i tuoi peccati ti vogliono risucchiare, non ti arrendere, non rinunciare!

Cristo ti sta parlando di perdono, accoglienza e riabilitazione e, se glieLo chiedi, con sincerità e fede, sarà Lui stesso a farti tornare, a cambiare la tua vita, a produrre in te “il volere e l’agire”.

Se glielo chiedi, se Lo invochi, non ti dirà di no, non ti caccerà fuori. Perciò, invocaLo, chiamaLo: “Signore, cambiami, cambia il mio cuore, convertimi, e io mi convertirò!”

Leggi anche:

Luca 15:11-24

Giovanni 6:37-40

 

 


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @Buonasettimana

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.