Come rispondi alle minacce?
30 Maggio 2017
Sei dei nostri?
13 Giugno 2017

L’ultimo tratto

I fratelli, avute nostre notizie, di là ci vennero incontro sino al Foro Appio e alle Tre Taverne; e Paolo, quando li vide, ringraziò Dio e si fece coraggio
(Atti 28:15)

 

Il sogno di Paolo di recarsi a Roma per edificare la chiesa e predicare il Vangelo, si stava per realizzare. Era stato un viaggio lungo, avventuroso, passato fra minacce, detenzione e ostacoli di ogni tipo.

La sua destinazione era a circa cinquanta chilometri quando alcuni fratelli gli andarono incontro e l’Apostolo, nel vederli, ringraziò il Signore e prese animo.

Si fece coraggio quando la mèta era oramai a portata di mano? Come mai?

Non conosciamo che cosa passasse per la sua mente, ma lo Spirito Santo ha voluto farci sapere che Paolo fu incoraggiato nel vedere i fratelli.

A noi basti sapere che ne aveva bisogno e che il Signore glielo provvide, attraverso i fratelli.

Il venirsi incontro e l’incoraggiamento reciproco sono caratteristiche delle relazioni sane e fruttuose.

Che cosa dovrebbero essere le relazioni fraterne se non questo?

Carissimi fratelli, possa il Signore stamattina trovarci disponibili a coprire quei brevi, ma a volte difficili, tratti che ci separano gli uni dagli altri e che ci faranno realizzare le benedizioni della comunione fraterna, l’incoraggiamento reciproco e la collaborazione per la gloria di Cristo.

Se i credenti romani fossero rimasti sulle loro posizioni, Dio avrebbe trovato un altro modo per incoraggiare il Suo servo, ma che bello vedere i fratelli venirsi incontro, abbracciarsi e incoraggiarsi!

Un certo cinismo e molto scetticismo ha indotto molti di noi a non credere più che questo sia possibile. Delusioni, diffidenza e sfiducia hanno ridotto al minimo le relazioni fraterne.

Sapendo che questo a Gesù non fa piacere, fratelli, veniamoci incontro, incoraggiamoci a vicenda!

E, se l’altro non ce la dovesse fare, perché non gli vai incontro tu?


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.