Lavorare al “nulla”

Chi c’è ancora tra di voi che abbia visto questa casa nel suo primo splendore? E come la vedete adesso? Così com’è non è forse come un nulla ai vostri occhi? (Aggeo 2:3)

Zorobabele e Giosuè sono a Gerusalemme per ricostruire il tempio del Signore ridotto in macerie, anzi, per dirlo con le parole del profeta, ridotto a “un nulla”.

Con il popolo scoraggiato, distratto e pessimista, il loro compito era veramente una “missione impossibile”, perciò Dio mandò i Suoi profeti per aiutarli con le loro parole ispirate.

Tra le parole ispirate che li aiutarono ci sono quelle del nostro capitolo, dove troviamo delle straordinarie promesse con l’incoraggiamento di cui avevano bisogno per lavorare a un cantiere veramente difficile: “Mettetevi al lavoro! perché io sono con voi… Il mio Spirito è in mezzo a voi, non temete! La gloria di questa casa sarà più grande di quella della casa precedente”.

Notiamo come si attua il “metodo divino” nell’incoraggiarci ad accettare, affrontare e superare le sfide impossibili della nostra vita: l’incoraggiamento parte dalla “ricognizione” della realtà difficile, senza sminuirla, senza nasconderne le insidie e le complessità.

Aggeo, in estrema sintesi, dice al popolo: “State lavorando al nulla. State calpestando le macerie di un edificio che fu straordinario e glorioso, ma non abbiate paura perché il Signore è con voi! Il Suo Spirito è in mezzo a voi e voi porterete a compimento il lavoro e vedrete la Sua gloria”.

E così fu! Dio aiutò quella generazione a portare a compimento il progetto!

Carissimi, possa questa Parola aiutarci ad affrontare i “cantieri difficili” della nostra vita personale e del nostro servizio spirituale, trovando coraggio nelle parole ispirate di Aggeo per non perderci d’animo quando ci troviamo a lavorare “al nulla”.

Che Dio ci aiuti, quando ci rendiamo conto che “nulla” sono le nostre capacità, che “nulla” sembra riuscire nella nostra vita e che “nulle” sembrano le prospettive del nostro lavoro, a ricordare che se Lui è con noi e se uniamo la fede, la consacrazione e l’azione, Lui farà prosperare la nostra vita e, dal nostro “nulla”, farà risplendere la Sua gloria!


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.