Alla Nostra Portata
25 Febbraio 2013
Mangeremo, Poi Moriremo
11 Marzo 2013

La Risposta Migliore

Il popolo tacque, e non gli rispose nulla; poiché il re aveva dato quest’ordine: «Non gli rispondete!»
(2Re 18:36)

 

L’inviato del re d’Assiria aveva deriso Ezechia e il popolo invitandoli a non confidare in Dio e ad arrendersi immediatamente a lui. Col suo esercito egli aveva già conquistato molti regni, e non intendeva fermarsi.

Ezechia aveva ordinato che nessuno replicasse, e dopo avere ricevuto il resoconto, si umiliò e recandosi nella casa del Signore, per pregare. Contemporaneamente mandò uomini da Isaia per ricevere il consiglio del Signore. La storia si concluse felicemente: Gerusalemme non fu presa.

L’episodio, però, è molto utile per comprendere come reagire alle minacce e alle beffe dell’Avversario quando cerca d’insinuare dubbi, distruggere le nostre certezze, demolire la nostra fede, annientare la nostra speranza.

Che cosa devo fare quando il nemico mi assale con le sue astute manovre?

Devo restare in silenzio. Non pensiamo di essere abbastanza svegli da “argomentare” col nemico! Quando la mente è assediata dal dubbio, non rispondiamo con la nostra piccola logica umana, ma restiamo in silenzio! Sarà Dio a rispondere!

Devo, subito, ricorrere alla preghiera. Ezechia si dispose umilmente a cercare il Signore, recandosi al tempio, per pregare. Sì, carissimi, quando ci sentiamo circondati, quando sembra che il mondo ci crolli addosso, l’unica soluzione valida è la preghiera: la preghiera del giusto ha una grande efficacia!

Devo rivolgermi, subito, alla Parola. Allo stesso tempo, il re inviò degli uomini dal profeta Isaia, per ricevere il consiglio di Dio. La Parola ci fu, la riposta ci fu, la liberazione pure.

Amati in Cristo, chissà quanti di noi, proprio ora, si sentono sussurrare alla mente odiosi scherni dal nemico che, vedendoci in difficoltà, preannuncia sconfitta, minaccia distruzione e morte.

Come stiamo reagendo?

Non proviamo a ribattere con le nostre parole, ma andiamo immediatamente alla Parola e alla Preghiera. Troviamo nella devozione quotidiana, nella cameretta privata, il nostro rifugio dalle malvagie macchinazioni di Satana e la risposta del Signore non si farà attendere: “Non temere per le parole che hai udite”!

——————————————————————————————————————

Aniello & Rosanna Esposito

 

Twitter: @Buonasettimana

 

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.