Un Dio Che Agisce!
2 Luglio 2013
Le richieste della nostra preghiera [A. A. Esposito]
3 Dicembre 2013

Io Ti Farò Vedere Cose Meravigliose!

Come nei giorni in cui uscisti dal paese d’Egitto, io ti farò vedere cose meravigliose
(Michea 7:15)

 

Queste parole sono già di per sé stesse di grande incoraggiamento, ma quando si pensa che sono rivolte a un popolo che ha peccato, è caduto e le cui città sono state conquistate, bruciate e demolite è ancor più stupefacente.

Israele ha disatteso il Patto, Gerusalemme e Samaria non sono quello che dovrebbero essere per nome e per storia: ingiustizia, idolatria, immoralità la fanno da padrone e ciò attira il giudizio di Dio.

C’è qualche possibile speranza per una nazione in una simile condizione? Umanamente no, ma non dal punto di vista di Dio.

Michea ha un ruolo speciale nella rivelazione del piano della Redenzione. È suo il testo che viene letto ai Magi d’oriente: «E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei affatto la minima fra le città principali di Giuda; perché da te uscirà un principe, che pascerà il mio popolo Israele».

Il suo messaggio è molto semplice: Non importa quanto in basso sia caduta la tua vita, o quanto buia e tenebrosa sia diventata la tua esistenza, in Cristo Gesù c’è ancora speranza per te. Come Gerusalemme, anche tu, se lo vuoi, se credi, se torni al Signore, potrai dire: Se sono caduta, mi rialzerò; se sto seduta nelle tenebre, il Signore è la mia luce.

Amati in Cristo, è stupefacente stamattina ascoltare il Signore mentre si dispone a far vedere cose meravigliose a un popolo che Lo ha tradito, escluso dalla propria vita, offeso con la sua superficialità.

Questo non è un incoraggiamento a continuare a peccare, ma un urgente appello al ravvedimento, a tornare al Signore con sincero rammarico per vedere la Sua gloria in noi, nella nostre case e nella nostra comunità.

Non è un caso che il libro di Michea si concluda con questi stupendi versetti:

Quale Dio è come te, che perdoni l’iniquità

e passi sopra alla colpa del resto della tua eredità?

Egli non serba la sua ira per sempre, perché si compiace di usare misericordia.

Egli tornerà ad avere pietà di noi, metterà sotto i suoi piedi le nostre colpe

e getterà in fondo al mare tutti i nostri peccati.

Vogliamo veramente trascurare questa grande grazia?

Coraggio, torniamo al Signore ed Egli ci farà vedere cose meravigliose!!

——————————————————————————————————————

Aniello & Rosanna Esposito

 

Twitter: @Buonasettimana

 

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.