Ma chi credi di essere tu?
30 Gennaio 2017
Ogni cosa è possibile
15 Febbraio 2017

Il privilegio di dare

Chiedendoci con molta insistenza il favore di partecipare alla sovvenzione destinata ai santi
[2 Corinzi 8:4]

 

Raccontando la generosità dei credenti macedoni, l’Apostolo scrive: “Con moltissima insistenza mi hanno chiesto il privilegio di partecipare” (Tilc).

Il fatto è molto semplice: dei credenti conoscendo la condizione di bisogno di altri credenti chiedono “con insistenza” “il privilegio” di poter mandare loro un’offerta.

In estrema sintesi, Paolo sta dicendo: “Ci hanno pregato di poter donare”.

Questo passo, sebbene si riferisca a un fatto storico circoscritto, rivela l’essenza del cristianesimo: fare il bene non come sforzo faticoso e nemmeno come riposta a una sollecitazione esterna ma come naturale sbocco dell’amore fraterno, frutto del dono di Dio, in Cristo Gesù.

È una grande lezione per noi oggi, quando sembra che gran parte del nostro cristianesimo (si perdoni la generalizzazione) sembra muoversi su ben altre direttrici: o a reclamare che qualcuno ci aiuti o a fare del bene dietro pressanti e ripetuti appelli ed esortazioni.

Carissimi, possa lo Spirito Santo trovare spazio nei nostri cuori per alimentare un amore spontaneo e generoso che si produca in un incontenibile desiderio di “dare”, curare, servire, evangelizzare…

Senza che qualcuno debba convincerci, spingerci, incitarci ma considerandolo un privilegio, una grazia e una benedizione.

Ricordandoci delle parole del Signore Gesù, il quale disse egli stesso: “Vi è più gioia nel dare che nel ricevere” (Atti 20:35)


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.