Bagaglio a mano
1 Novembre 2016
La “Roba”
15 Novembre 2016

“Guerra al terrore”

Guarda di startene calmo e tranquillo, non temere e non ti si avvilisca il cuore…
[Leggere Isaia 7:1-9]

 

Isaia andò dal re per tranquillizzarlo poiché i nemici di Giuda stavano tramando per conquistarla con un programma bellicoso: “Saliamo contro Giuda, terrorizziamolo, apriamo una breccia…”.

Terrorizziamolo!

Una parte essenziale del piano era quello di, sfruttando il fattore-sorpresa, fare tanta pressione su Giuda da creare un clima di terrore e disfattismo, rendendoli facilmente conquistabili.

Il metodo del nemico delle anime nostre non è molto differente.

Viviamo un’epoca dove le paure di pericoli reali unite a tante altre palesemente irrazionali, creano un clima tale di tale confusione, angoscia e scoraggiamento che raramente si è visto su così vasta scala.

In quasi tutte le decisione il fattore-paura è determinante: Che cosa mangio? Che mezzo uso per viaggiare? Dove investo i risparmi? Dove sono adesso i miei figli? La mia casa è abbastanza solida? Riuscirò a mantenere i miei impegni?

Il messaggero che Dio mandò ad Acaz non fu sdolcinatamente consolatorio, ma autorevole e risoluto. Potremmo definirlo consolazione in forma di comandamenti.

L’ordine di non perdere la calma: “Guarda di startene calmo…!”.

L’assicurazione che il nemico non riuscirà nel suo piano: “Questo non avrà effetto; non succederà!”.

La necessità di una serena fiducia: “Se voi non avete fede, certo, non potrete sussistere!”.

Perciò, carissimi, non importa quale sia la fonte dell’ansia che ci affligge, oggi il Signore ci sta consolando mediante precisi ordini: “Nel tornare a me e nello stare sereni sarà la vostra salvezza; nella calma e nella fiducia sarà la vostra forza” (Isaia 30:15).

Gli ubbidiremo?


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.