È tutto collegato

Gente di collo duro e incirconcisa di cuore e d’orecchi, voi opponete sempre resistenza allo Spirito Santo; come fecero i vostri padri, così fate anche voi (Atti 7:51)

Le parole di Stefano non furono certo tenere nei confronti dei Giudei e fa riflettere la descrizione del “male oscuro” di una generazione che, opponendosi allo Spirito Santo, aveva rigettato il Messia.

La diagnosi è molto semplice e mostra come il rifiuto della grazia di Dio (ma anche delle Sue indicazioni e della Sua guida) è conseguenza di una condizione spirituale ben definita: orecchie chiuse, cuori insensibili, collo duro

È tutto collegato!

Orecchie “incirconcise” sono quelle di chi non è incline a “tutta” la Parola di Dio. Molti hanno “un udito selettivo”, sono in grado di sentire soltanto quello che vogliono e non prestano alcuna attenzione a Dio e alla Sua volontà. E questa attitudine non può che ripercuotersi sul cuore.

Il cuore incirconciso è insensibile, infedele, arido. Molto spesso si fa riferimento al cuore, dimenticando che esso è per natura, insanabilmente maligno, e che ha bisogno – per guarire – della Parola di Dio. Mediante l’opera dello Spirito Santo, essa è in grado di aprire, intenerire e modellare il cuore dell’uomo, rendendolo secondo il cuore di Dio, guidandolo alla sottomissione e all’ubbidienza.

Il collo duro, irrigidito che rifiuta il giogo che, seppure dolce, è comunque indispensabile per seguire Cristo. Non solo quando rifiuta la conversione, ma anche quando non si arrende alla Sua chiamata a consacrazione e a santificazione, attirando il biasimo di Dio.

Carissimi, a volte davanti a certe “malattie spirituali” cerchiamo risposte difficili, analisi approfondite e cause oscure, ma purtroppo molto spesso la tragedia di tante sconfitte spirituali è “semplicemente” legata a un problema di udito, al quale tutto il resto è collegato.

Che Dio ci aiuti a fare l’esperienza del Profeta: Egli risveglia, ogni mattina, risveglia il mio orecchio, perché io ascolti, come ascoltano i discepoli.

Signore, aiutaci!


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.