Con Dio, In Ogni Caso
17 Giugno 2013
Un Dio Che Agisce!
2 Luglio 2013

E Quando…?

Così, anche voi, quando avrete fatto tutto ciò che vi è comandato, dite: “Noi siamo servi inutili; abbiamo fatto quello che eravamo in obbligo di fare”
(Luca 17:10)

 

Quante volte, con sincera umiltà (o volendo apparire modesti) abbiamo fatto nostra questa frase? È un bene non “prendersi troppo sul serio” nel servire il Signore, eppure forse dovremmo riflettere un poco di più per intendere veramente quello che Gesù insegna con queste parole.

Egli, infatti, ha detto: “Quando avrete fatto tutto ciò che vi è comandato – soltanto allora – dite: “Noi siamo servi inutili; abbiamo fatto quello che eravamo in obbligo di fare”.

A questo punto sorge una domanda, apparentemente provocatoria, ma necessaria: C’è qualcuno di noi pronto  a presentarsi davanti al Maestro e dirGli: “Signore, ho fatto tutto quello che mi hai comandato”?

Riesco stamattina a dire, senza un po’ d’imbarazzo: “Signore ho perdonato il mio fratello settanta volte sette! … Amo i miei fratelli come Tu hai amato me!”?

Posso dire onestamente: “Signore amo i miei nemici e prego regolarmente per loro! … Dico sempre la verità, in me non si trova alcuna menzogna, né furbizia, né superficialità, né malignità!”?

Ho il coraggio di dire: “Signore sto prendendo ogni giorno la mia croce, parlo di Te a ogni creatura che incontro, evangelizzo persone di qualsiasi nazione (senza pregiudizi), sto invitando tutti (cattivi e buoni) alla cena che il Padre ha preparato!”?

E ancora: “Signore non mi sto impicciando di cose che non mi riguardano, cerco la pienezza dello Spirito Santo perché voglio essere Tuo testimone non solo a Gerusalemme e in Giudea ma anche in Samaria e fino all’estremità della terra!”?

Amati in Cristo, forse questa autocritica non è il modo più “positivo” di iniziare la settimana, ma potrebbe essere quello migliore per esaminare e riordinare il nostro servizio al Signore, senza concentrarci su noi stessi, ma cercando soltanto la gloria di Cristo e di attuare la Sua volontà.

Forse in questa vita non riusciremo mai a pronunciare queste parole, ma se restiamo legati a Cristo tutti i giorni, per la Sua grazia, per la Sua fedeltà… potremo sentire il Maestro in Persona mentre ci dice: “Va bene, servo buono e fedele, entra nella gioia del tuo Signore”.

——————————————————————————————————————

Aniello & Rosanna Esposito

 

Twitter: @Buonasettimana

 

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.