Cristo ha sofferto per noi!
4 Marzo 2021
Il Signore è mio, è con me, è per me!
9 Marzo 2021

Doni a catena

Anna gli disse: «Pregai per avere questo bambino; il Signore mi ha concesso quel che io gli avevo domandato. Perciò anch’io lo dono al Signore»

(1Samuele 1:26-28)

 

I primi capitoli di 1Samuele raccontano la storia di Anna che, essendo sterile, chiese un figlio a Dio promettendo di “donarGlielo” e di come Dio la esaudì. 

Quando la coppia lasciò definitivamente il piccolo Samuele al tempio, il sacerdote disse al marito: «Il Signore ti dia prole da questa donna, in cambio del dono che lei ha fatto al Signore!». E così fu: ebbero altri cinque figli.

Riassumendo: Anna chiede un figlio che dona al Signore in cambio del dono che Lui le ha fatto e Dio gliene dona altri cinque in cambio del dono che lei Gli fa. 

Insomma, un circolo virtuoso di doni, che sgorga dalla compassione di Dio per una donna amareggiata che aveva aperto il suo cuore davanti a Lui.

Non è forse una bellissima illustrazione della grazia di Dio?

Viviamo in un mondo dominato dalla brama di ricevere e possedere che produce tanti frutti amari: insoddisfazione, invidia, contese… e questo accade in ogni ambito, non solo economico e materiale, ma anche in campo affettivo e, ahinoi, perfino spirituale. 

La storia della nascita di Samuele ci mostra come Dio opera: Lui, per la Sua immensa grazia, ci dona le Sue benedizioni che, quando sono ricevute e godute in maniera sana, ci spingono a donare la nostra vita a Lui, cosa che Gli permette di farci altri doni di grazia.

Questa è la natura della chiesa fedele a Cristo: un fiume di amore che parte da Dio e risale a Lui in forma di consacrazione, lode e servizio e che piove di nuovo sulla terra, benedicendo chiunque vi viene in contatto.

Carissimi, Dio ci aiuti, noi che abbiamo ricevuto in dono la vita da Cristo, a donarGli la nostra vita, affinché Egli la faccia abbondare di tutti i doni della Sua grazia, per condividerli con chiunque ne ha bisogno!


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.