A Tu Per Tu
30 Ottobre 2017
Ci stiamo comportando bene?
16 Novembre 2017

Debriefing

Quando Gesù fu entrato in casa, i suoi discepoli gli domandarono in privato: «Perché non abbiamo potuto scacciarlo noi?» [Marco 9:28]

 

Che cos’è il debriefing?

“Nel contesto scolastico è una discussione fra insegnanti e studenti per aiutare questi ultimi a riflettere sui loro apprendimenti. Si tratta di comprendere cosa è accaduto, scoprire cosa hanno imparato gli studenti da un’esperienza e cercare di capire se questo risponde agli obiettivi che effettivamente aveva l’insegnante” [1].
Questa insolita premessa sottolinea semplicemente l’utile atteggiamento dei discepoli che, mortificati per non essere riusciti a liberare un indemoniato, consultarono Gesù per comprenderne le ragioni.

Quando ci troviamo a fare i conti con un fallimento ci sono diverse possibili reazioni.

La negazione. Facciamo finta che non sia successo nulla? Che sia consapevole o inconscio, il negare una sconfitta può portare alla rovina.

Il conflitto esterno. Consiste nel trovare fuori di noi le cause della disfatta: il contesto, il diavolo, gli amici, i nemici. La colpa sarà di chiunque, ma non nostra.

Il conflitto interiore, che ti porta a dire: “C’è qualcosa in me che non va?”.

Lo scoraggiamento, che ti sussurra: “Non riuscirai mai a fare qualcosa di buono, meglio rinunciare!”.

La tesaurizzazione, che significa cercare di capire che cosa è successo, perché è successo e trarne lezioni utili per il futuro.

È ovvio che soltanto la quinta reazione è quella costruttiva, e fu quella intrapresa dai discepoli.

Perché il debriefing sia positivo, però, c’è bisogno di un insegnante valido e capace.

Sia ringraziato il Signore, perché noi abbiamo Gesù, il sommo Maestro e lo Spirito Santo che ci guida nella verità.

Perciò, carissimo, qualunque cosa sia andata storta nella tua vita non fare finta di niente, non litigare col mondo intero e non lasciarti andare al disfattismo, ma rivolgiti piuttosto a Gesù.

Mediante la Parola e la preghiera, grazie allo Spirito Santo, troverai le risposte che cerchi, forse anche dure, ma sarai equipaggiato per le sfide future.

Sapendo che, per certe battaglie non c’è altra arma che la preghiera! (Marco 9:29)


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.