Cercansi “consolatori”

L’oltraggio m’ha spezzato il cuore e sono tutto dolente; ho aspettato chi mi confortasse, ma invano; ho atteso dei consolatori, ma non ne ho trovati

(Salmo 69:20)

Quando ci troviamo davanti a salmi come quello di oggi, chiaramente profetico e messianico, siamo indotti subito a meditare la grandezza dell’amore di Cristo, che ha volontariamente accettato ogni tipo di oltraggio, angherie e sofferenze per il bene delle nostre anime.

La solitudine di Gesù, l’abbandono di cui fu vittima e il travaglio inimmaginabile che provò, ci riempiono di commozione e ci spingono alla gratitudine, alla consacrazione e al servizio.

Detto questo, non vogliamo però dimenticare che il salmo descrive anche la vicenda di Davide, cioè di un servitore di Dio, narrando la straziante solitudine che più volte si trovò a sperimentare nella gioventù, nella maturità e perfino nella vecchiaia.

Più volte il cuore di Davide fu “fatto a pezzi”, dal pregiudizio, dall’ingratitudine e dal tradimento ma anche dalle sue stesse fragilità, che lo portarono a dolorose cadute.

La forma poetica rende ancora più intensa la descrizione del suo stato d’animo mentre desiderava soltanto un po’ di conforto, un gesto consolatorio: “Ho aspettato, ma invano; ho cercato, ma non ho trovato”.

Dio ci aiuti a riflettere sì, sull’amore di Cristo e sulle Sue infinite consolazioni di cui Gli saremo eternamente grati, ma ci aiuti pure ad avere la sensibilità di riconoscere, intorno a noi, coloro che sono in difficoltà (alcuni credenti, altri che ancora non Lo conoscono), addolorati e soli che aspettano, spesso a lungo e invano, qualcuno in grado di parlare al loro cuore, di consolarli nelle difficoltà.

Carissimi, il Signore sta cercando dei “consolatori”, di ogni età ed esperienza, che vogliano portare il conforto del Vangelo, il sollievo che viene dal sapere che, ancora oggi, Lui desidera perdonare, salvare, liberare e benedire chiunque crede in Lui e invoca il Suo Nome.

Troverà qualcuno disponibile?


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.