Ricercare l’Eccellenza
26 Aprile 2017
La mia speranza dov’è?
8 Maggio 2017

Chiedimi ciò che vuoi

Dio apparve a Salomone, e gli disse: «Chiedimi ciò che vuoi che io ti dia»
(2Cronache 1:7)

 

Tanto si è scritto sulla risposta di Salomone all’incredibile disponibilità di Dio nei suoi confronti.
Gesù pose una domanda simile a Bartimeo, il cieco. In quel caso era più che probabile che un non vedente chiedesse di ricuperare la vista.
Per quanto riguarda il giovane re, invece, considerando la natura umana, erano altre le cose che ci si poteva aspettare di sentire come risposta.
Dio stesso testimoniò quello che poteva esserci nel cuore di un giovane nella sua posizione: “… ricchezze, beni, gloria, la morte dei nemici, una lunga vita” (v. 11).
In estrema sintesi, la richiesta di Salomone si può riassumere così: “Signore dammi quello che mi serve per servirTi nel ruolo in cui tu mi hai voluto”.
Molta dell’insoddisfazione causata dalle mancate “risposte” di Dio (e da quelle che “ci diamo” da soli) è causata da un “peccato originale”: spesso chiediamo quello che vogliamo indipendentemente dalla Sua volontà, distaccati o sfiduciati riguardo al Suo piano per noi.
Salomone non fu fortunato, né privilegiato, ma fu semplicemente alimentato da una serena e arresa fiducia in Dio.
Carissimo, oggi il Signore ti pone la stessa domanda: “ChiediMi ciò che vuoi”.
Quello che risponderai dipende da ciò che c’è nel tuo cuore.
In quello di Salomone c’era il desiderio di servire Dio, come piace a Dio.
Che cosa c’è nel tuo?
Non inganniamo noi stessi, la maggior parte dei nostri desideri rimane frustrata non per mancanza di fede, ma per assenza di sottomissione.
Signore aiutaci!


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.