logoRdG
Campagna di Adesione

Ti Basta Una Nuvoletta?

l servo disse: «Ecco una nuvoletta grossa come la palma della mano, che sale dal mare»
(1 Re 18:44)

Quando il servo riferì l’avvistamento ad Elia erano tre anni e sei mesi che non pioveva. Eppure il profeta rispose, senza alcuna esitazione: «Sali e di’ ad Acab: “Attacca i cavalli al carro e scendi, perché la pioggia non ti fermi”».
Evidentemente quella nuvoletta era stata sufficiente per fargli capire che il Signore aveva esaudito la sua ardente preghiera.
È incoraggiante considerare che, per Elia, un così piccolo indizio era la garanzia di una pioggia tanto intensa da segnare la fine della lunga siccità, senza nutrire alcun dubbio.
Quante volte ci troviamo nella stessa “posizione” di Elia, “faccia fra le ginocchia” chiedendo l’intervento del Signore, ma non abbiamo nessuna intenzione di alzarci finché le cose non vanno esattamente come ci aspettiamo noi?
Mentre stiamo pregando ed Egli comincia a intervenire nella nostra vita, invece di alzarci e metterci in cammino, restiamo prostrati, scoraggiati (qualche volta pure seccati) perché, in effetti “è successo qualcosa, ma non è sufficiente”.
La storia della Grazia è piena di “nuvolette” apparentemente insignificanti che invece erano l’inizio di grandi interventi di Dio nella storia dell’umanità: la mangiatoia di Betlemme, la croce del Golgota o i dieci barricati in casa a Gerusalemme, erano meno che una nuvoletta, ma oggi tutti sappiamo quello che significarono quegli eventi: l’Incarnazione, l’Espiazione e la nascita della Chiesa.
Carissimo, se stai pregando il Signore perché intervenga nella tua vita, non fare l’errore di Naaman (2Re 5), non immaginarti la risposta come piace a te, ma apri gli occhi, perché forse mentre tu non te ne avvedi, Dio ha già cominciato a cambiare la tua situazione.
Ci credi?


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.

Comments are closed.