logoRdG
Campagna di Adesione

Alza Gli Occhi!

Non dite voi che ci sono ancora quattro mesi e poi viene la mietitura? Ebbene, vi dico: alzate gli occhi e guardate le campagne come già biancheggiano per la mietitura
(Giovanni 4:35)

 

Gesù pronunciò queste parole in seguito alla perplessità dei discepoli che Lo videro parlare in pieno giorno, da solo, con una donna samaritana.

Senza approfondire ciò che accadde a Sicar, c’è una lezione immediata che scaturisce dal nostro testo: le cose non sempre sono come ci sembrano, la visione di Dio è diversa dalla nostra.

Dio ci vede in maniera diversa da come ci vediamo noi: un uomo deluso e insicuro e un ragazzo impaurito, Lui li vede come profeti potenti. Un uomo pessimista e titubante, Lui lo vede come un condottiero vittorioso. Una chiesa ricca, appagata e piena di sé, Lui la vede come infelice, povera e miserabile.

Dio vede il mondo, in maniera diversa da noi. Per alcuni il mondo è da disprezzare, giacché siamo più santi di loro, per altri il mondo esercita un’attrazione fatale che porta allo sviamento. Dio – invece – ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna.

Dio vede le circostanze, in maniera diversa da noi. La malattia che preoccupava Marta e Maria, Gesù la vide come un’occasione per glorificare Dio. La prigione che preoccupava Paolo, Gesù la vide come l’occasione che l’avrebbe portato in Italia, per essere testimone di Lui perfino a Roma.

Carissimo, qualunque cosa tu stia vedendo, soprattutto se ti lascia perplesso o preoccupato, il consiglio di oggi è molto semplice: Non fermarti a quello che osservi a prima vista, ma alza gli occhi e cerca di vedere le cose come le vede Gesù.

Vedrai la tua settimana in una prospettiva completamente diversa, e sarai benedetto e di benedizione!


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.

Comments are closed.