logoRdG
Campagna di Adesione

Da Solo Con Dio

Giacobbe rimase solo (Genesi 32:24)

 

Non era certo la prima volta che Giacobbe rimaneva da solo.

Era da solo quando, fuggendo da Esaù, fece il sogno della scala e ricevette la promessa della cura di Dio.

È probabile che fosse da solo anche quando l’Angelo del Signore gli apparve in sogno incoraggiandolo a ritornare al paese natio.

Questo incontro però è diverso dagli altri. Non è un sogno, non è soltanto la promessa di cura di Dio, né una semplice rivelazione della Sua volontà: questa volta Dio gli stravolgerà la vita!

Giacobbe, da allora in poi, non sarebbe stato lo stesso uomo, e non v’è dubbio che incontrò il Cristo preincarnato, che lo toccò per cambiarlo per sempre.

Se elencassimo quanti uomini di Dio hanno realizzato la Sua graziosa potenza mediante un “faccia a faccia” con Lui, la lista sarebbe lunghissima.

È veramente indispensabile che noi ci rendiamo conto che abbiamo bisogno di avere una comunione personale con Dio perché la nostra vita possa realizzare il Suo piano.

Fu quando si ritrovarono da soli con Dio che Salomone ricevette saggezza per regnare, Elia la forza per completare la missione che pensava finita, Isaia la purificazione che suggellò la Sua chiamata, Pietro la riabilitazione dopo il rinnegamento e Saulo le visite del Signore che lo confortarono.

Carissimi, noi viviamo una strana epoca dove, pur ritrovandoci spesso isolati da tutti, non abbiamo tempo e coraggio per appartarci da soli con L’Unico con il Quale possiamo restare da soli senza temere di essere fraintesi, ingannati o delusi.

Cerchiamo, ogni giorno, un momento speciale per stare da soli con Dio, perché questo certamente renderà più salda la nostra relazione con Lui e più efficace la nostra vita, in ogni ambito, per la Sua gloria.

 

Letture utili:  Genesi 28:10-16; Genesi 31:10-13

 


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.

Comments are closed.