logoRdG
Campagna di Adesione

Le Ultime Parole Di Maria

Sua madre disse ai servitori: «Fate tutto quel che vi dirà»

(Giovanni 2:5)

 

Sebbene dopo questo episodio la madre di Gesù compaia ancora nei racconti evangelici e negli Atti, quelle pronunciate nel nostro versetto sono le ultime ritenute meritevoli di essere annotate nelle Scritture ispirate.

Considerando il ruolo abnorme che le è stato conferito nella tradizione (poi degenerata nell’eresia idolatra) è meraviglioso notare come lo Spirito Santo abbia voluto che Giovanni ne riporti questa frase: “Fate tutto quel che vi dirà”.

Un’espressione semplicissima nella quale, quasi come per passare in secondo piano, Maria indica quello che dobbiamo fare sempre nel nostro rapporto con Cristo, sia quando desideriamo qualcosa da Lui, sia quando siamo chiamati a servirLo.

Che cosa ci insegnano le parole di Maria?

– Che dobbiamo ascoltare Gesù, prendere istruzioni da Lui.

– Che dobbiamo fidarci delle Sue parole, qualunque cosa Egli ci dica.

– Che dobbiamo ubbidirGli, qualunque cosa dovesse chiederci di fare.

I servi di Cana, incoraggiati da Maria, diedero ascolto a Gesù e, fidandosi di Lui, portarono al maestro di tavola quella che loro sapevano essere acqua perché la certificasse come vino, per poi servirla agli invitati.

Essi parteciparono ad un miracolo, il primo miracolo di Gesù e furono strumenti di grazia, di gioia e di benedizione per la Sua gloria.

Carissimi, come credenti e come chiesa di Cristo vogliamo prendere esempio da Maria e imparare a tacere e nasconderci al momento opportuno perché Cristo e la Sua Parola siano innalzati e come i servi di Cana vogliamo imparare ad ascoltarLo, crederGli e ubbidirGli perché Egli possa manifestare la Sua gloria in un mondo che ne ha davvero tanto bisogno e perché tanti possano credere in Lui per essere salvati (cfr. Giovanni 2:11).

Come il salmista vogliamo dire, sinceramente: “Non a noi, o Signore, non a noi, ma al tuo nome da’ gloria”.

 

Letture utili: Salmo 115:1, 2; 2Corinzi 4:7; 1Pietro 4:11


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.

Comments are closed.