logoRdG
Campagna di Adesione

Ferite D’Amore

Meglio riprensione aperta, che amore nascosto. Chi ama ferisce, ma rimane fedele; chi odia dà abbondanza di baci.

(Proverbi 27:5, 6)

 

C’è una versione dell’amore che oggi primeggia, non solo in ambito spirituale: sdolcinato, giocondo, sempre corteggiatore e affabulatore. Il suo scopo, talvolta genuino e sincero, altra volta cinico e interessato, è il piacere, la felicità.

Il suo motto sembra essere: “Voglio essere felice quando amo e voglio rendere felice chi amo”.

Detto così, possiamo dubitare che vi sia qualcosa di più nobile e desiderabile?

Eppure quest’amore è una caricatura del vero amore che invece è forte, determinato e onesto; che sa correggere e non solo complimentare, spronare e non soltanto incoraggiare.

Non v’è alcun dubbio che essere amici, coniugi, genitori, educatori e guide spirituali richieda come caratteristica essenziale l’amore. Dovremmo, però, decidere di quale versione di amore vogliamo essere “portatori”.

Il nostro versetto insegna che l’amore vero, nella ricerca del bene dell’amato, deve saper anche riprendere e ferire e c’induce a porci delle domande:

Come vogliamo amare?

Come vogliamo essere amati?

L’amore di cui i nostri cari hanno bisogno non può essere debole e condiscendente ma obiettivo e forte, perché la vera felicità non sempre è in ciò che il mondo addita.

L’amore di cui noi abbiamo bisogno, non è quello che ci ama “per quello che siamo”, ma che lo fa “nonostante quello che siamo” e che si batte per la nostra crescita intellettuale, morale e spirituale in vista del bene eterno delle nostre anime immortali.

Nel Nuovo Testamento l’amore di Dio in Cristo Gesù non si manifesta soltanto nella compassione, nell’accoglienza e nel perdono, ma anche nell’ammonimento, nella riprensione e nella correzione.

Impariamo perciò da Lui, che dice: “Tutti quelli che amo, io li riprendo e li correggo”!

Signore insegnaci ad amare!


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.

Comments are closed.