logoRdG
Campagna di Adesione

Costringi il nemico a prenderti sul serio

Perché non succeda che, quando ne abbia posto le fondamenta e non la possa finire, tutti quelli che la vedranno comincino a beffarsi di lui, dicendo: “Quest’uomo ha cominciato a costruire e non ha potuto terminare”
(Luca 14:28-30)

Quando Neemia iniziò a restaurare le mura, i nemici si beffarono di lui e del popolo: “Se una volpe ci salta sopra, farà crollare il loro muro di pietra!”. Non è difficile immaginare una fragorosa risata di sottofondo.

Quando, dopo poche settimane, l’opera avanzava perché il popolo l’aveva presa a cuore, essi mutarono registro, dalla derisione alla rabbia violenta: “Essi non sapranno e non vedranno nulla, finché non saremo piombati in mezzo a loro; allora li uccideremo, e faremo cessare i lavori”.

Anche rischiando di essere accusati di pessimismo, non possiamo nasconderci che oggi il nemico abbia molto da ridere di tanti discepoli di Gesù che decidono di seguirLo senza riflettere, sull’onda emotiva, ma senza nemmeno sfiorare la propria croce.

Quanti di noi, proprio ieri sera, hanno cantato commossi, risposto ad appelli e fatto promesse di consacrazione e servizio che non sono sopravvissute nemmeno fino al parcheggio della chiesa?

Quando le folle Lo seguivano, sovente Gesù le “scoraggiava”, non per cacciarle, ma per motivarle correttamente: “Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, e la moglie, i fratelli, le sorelle e persino la sua propria vita, non può essere mio discepolo. E chi non porta la sua croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo” (Luca 14:26, 27).

I circa centoventi discepoli che seguirono Gesù fino alla fine e rimasero in attesa (in preghiera) fino a Pentecoste, entrarono nell’Altosolaio portando la loro croce: erano morti a loro stessi! Non è un caso che da quel luogo e da quelle persone partì il risveglio che mise sottosopra il mondo!

Essi sono per noi, non un modello inarrivabile, ma la testimonianza che chiunque farà le stesse scelte, per le stesse ragioni e motivazioni potrà realizzare la stessa potenza e le stesse vittorie, affrontando qualunque difficoltà.

Carissimi, è ora di tornare a crederci, di scegliere seriamente Cristo! È ora che il nemico torni a prendere moltosul serio la Chiesa di Cristo!

Comments are closed.