logoRdG
Campagna di Adesione

Quando una promessa “fa male”

La parola del Signore fu rivolta in visione ad Abramo (leggere Genesi 15:1-6)

 

Abramo aveva già creduto in Dio ubbidendo alla Sua chiamata, fidandosi della Sua promessa: diventerai una nazione. Era stato generoso con Lot dandogli la precedenza nella scelta dei pascoli, e ancor più generoso liberandolo dai predoni. Aveva ricevuto la benedizione, offerto la decima di ogni cosa e rifiutato le ricchezze del re di Sodoma mostrando di essere un credente generoso, pietoso, integro.

Dio, perciò, gli rinnova la Sua promessa: “Non temere, la tua ricompensa sarà grandissima”, il dolore di Abramo diventa evidente: “Signore, che mi darai? Poiché io me ne vado senza figli … Tu non mi hai dato discendenza …”.

Per riconfermare il patto col Suo amico, il Signore lo conduce fuori e gli dice: «Guarda il cielo e conta le stelle se le puoi contare … Tale sarà la tua discendenza». Questa parola rinfranca la fede di Abramo e Dio gli conta questo come giustizia… anche se dovranno passare anni prima di vedere il suo Isacco.

Carissimo forse stamattina hai ripensato a una “vecchia promessa” e, considerando il tempo che passa e la realtà difficile, invece che consolarti essa ti ha ferito perché sembra sottolineare ciò che manca piuttosto che incoraggiarti a sperare in quel che aspetti.

Come posso credere che riceverò potenza mentre … sono esausto a forza di gemere? Continuare a sperare nella liberazione mentre … i miei nemici mi perseguitano continuamente? Credere che Dio provvederà mentre sembra che … nessuno si prenda cura dell’anima mia?

 

Ora, proprio mentre vivi questo stato d’animo di fiducia mista ad amarezza, di speranza e delusione, il Signore t’invita ad alzare lo sguardo per rinnovarti la Sua promessa. Abramo guardò il cielo e le stelle… tu riguarda oltre il cielo e sopra le stelle per vedere Gesù Cristo che dopo essere morto per espiare le tue colpe è risorto e si è seduto alla destra della Maestà nei luoghi altissimi e che garantisce tutte le promesse di Dio per te!

Comments are closed.