logoRdG
Campagna di Adesione

 

Le Parole Della Gente

 

Davide disse a Saul: Perché dai retta alle parole della gente che dice: “Davide cerca di farti del male?”
(1 Samuele 24:10)

 

Il dolore di Davide, perseguitato da Saul, è grande. Lui che l’aveva reso vittorioso abbattendo il gigante, gli aveva dato sollievo con la sua musica, era diventato suo genero servendolo fedelmente, non si capacitava di tanto odio nei suoi confronti.

Davide aveva appena risparmiato Saul che gli era capitato sottomano per quella che sembrava una coincidenza divina, mentre la “sua gente” lo incitava a uccidere il suo persecutore.

Nel dialogo che ne seguì, Davide individuò una delle cause dell’odio del suocero: Le parole della gente.

Questa storia fa pensare ad un versetto del libro dei Proverbi: “L’uomo perverso semina contese, il maldicente disunisce gli amici migliori” (16:28).

Quando la perfidia e la maldicenza s’insinuano nelle relazioni producono danni terribili, dolorosi e, spesso, irreparabili.

La “gente dice” è la premessa di tanti discorsi che, anche senza volerlo e senza malizia, sono in grado di produrre tanto male.

Chi, nella cerchia di Saul, lo aizzava contro Davide? e perché? Che si trattasse del desiderio di assecondare le fissazioni del vecchio re, invidia o sete di potere, poco importa. Sta di fatto che Saul dava retta a gente bugiarda che, alimentando le sue paure, lo spinsero verso il baratro fino al suicidio spirituale e fisico.

Carissimi, mai sia che qualcuno di noi si trovi ad ingrossare le fila della gente che sparla e Dio ci aiuti a non dar retta alla gente quando cerca di instillare in noi diffidenza, risentimento e odio!

Possa lo Spirito Santo mettere in noi un santo timore per fare attenzione sia alle parole che ascoltiamo, sia a quelle che diciamo, ricordando la promessa di Gesù: “Beati quelli che si adoperano per la pace, perché saranno chiamati figli di Dio”.


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.