logoRdG
Campagna di Adesione

 

La “Trappola” Del Benessere

 

Quando Roboamo fu ben stabilito e fortificato nel regno… abbandonò la legge del Signore
(2 Cronache 12:1)

 

Lo sviamento di Roboamo rivela come il benessere può diventare un’infida trappola in cui la vita spirituale rischia di essere seriamente compromessa.

Dal testo traspare che, nonostante i suoi limiti, Roboamo cercò di attenersi alla Legge finché non raggiuse un certo grado di tranquillità che l’indusse a “non averne più bisogno”.

Chi vive nelle difficoltà potrebbe pensare che questa eventualità non lo riguardi e, forse, dirà: “E chi si ricorda com’è il benessere!”

Probabilmente proprio questo è il punto: la ricerca del benessere, fisico, piscologico, economico e “spirituale” può diventare così predominante da sostituire la ricerca di Dio, della Sua grazia, della Sua presenza e della Sua approvazione.

Stiamo forse dimenticando che il piano di Dio prevede la salvezza dell’anima e una vita spesa al Suo servizio, con il desiderio di vivere per la Sua gloria?

Anche perché, biblicamente parlando, è l’ubbidienza che garantisce la vera felicità, quel tipo di felicità che non dipende dalle circostanze e non è limitata né nello spazio, né nel tempo.

Perciò, carissimi, per quelli che fra noi vivono un periodo appagante soddisfacente, facciamo attenzione a non “dimenticarci di Dio mentre siamo felici”, perché questo sarebbe veramente pericoloso.

Quelli che, invece, stiamo vivendo un periodo complicato, mentre ci dibattiamo nelle difficoltà, non permettiamo che il desiderio di uscirne diventi così intenso da indurci a non cercare prima il regno di Dio, ma soltanto la Sua liberazione.

La conclusione perfetta la possiamo trovare nelle parole di Paolo, prigioniero a Roma: “So vivere nella povertà e anche nell’abbondanza; in tutto e per tutto ho imparato a essere saziato e ad aver fame; a essere nell’abbondanza e nell’indigenza. Io posso ogni cosa in colui che mi fortifica”.

Signore, aiutaci a rimanerTi fedeli, in ogni circostanza!

 


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.