logoRdG
Campagna di Adesione

 

Come Dio ha voluto

 

Dio ha collocato ciascun membro nel corpo, come ha voluto
(1 Corinzi 12:18)

 

Per illustrare la natura della chiesa di Cristo, l’Apostolo Paolo usa l’immagine del corpo umano.

Nel descrivere la diversità dei membri e delle loro funzioni, insegna chiaramente, che Dio colloca ciascun membro nel corpo come Lui meglio crede.

Non si tratta di un insegnamento nuovo e insolito. Eppure, probabilmente, siamo di fronte a uno dei principi biblici più trascurati fra i credenti.

Il fatto di essere quello che siamo, dove siamo e per fare ciò che stiamo facendo sembra che non rientri proprio nella considerazione di tanti.

Quanti di noi si stanno struggendo, perfino amareggiando perché Dio li ha fatti come sono? Non “si accettano”. Si misurano e confrontano con modelli ideali, talvolta anche ammantandosi di spiritualità, invece di accettare la volontà di Dio.

Quanti, invece, sono insofferenti per la loro “collocazione”? La città, la famiglia, l’occupazione, la comunità non è mai quella giusta. E anche in questo caso, i sogni si sprecano e le promesse di nuovi orizzonti sono le uniche gradite.

E che dire di coloro che si sentono sempre male o poco valutati? Che non accettano il piano di Dio o non ne aspettano l’adempimento? È triste se nel corpo di Cristo si crea una malintesa corsa all’“eccellenza”, scordando che ogni membro è utile nella funzione conferitagli da Dio.

Carissimo, perché non smetti di tirare calci o deprimerti perché non sei come, dove o a fare ciò che vorresti?

Perché non ti fidi di Lui?

E se l’hai fatto e i risultati tardano, non ti scoraggiare: Ti basti sapere di essere nella Sua volontà.


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.