logoRdG
Campagna di Adesione

 

Il Sogno Più Bello

 

Quando il Signore fece tornare i reduci di Sion, ci sembrava di sognare
(Salmo 126:1)

 

Si sente spesso parlare (soprattutto riguardo ai giovani) di una fede cristiana che ci fa realizzare i sogni, dove i sogni sarebbero le aspirazioni e i desideri personali (più o meno spirituali) trasformando la grazia di Dio in una specie di talent show dove però generalmente “uno su mille ce la fa” e gli altri rimangono a bocca asciutta, delusi e consumati dall’amarezza e dall’invidia.

A sostegno di questa tesi si cita quasi sempre Giuseppe, dimenticando che i suoi sogni non erano “suoi” ma provenivano da Dio e non riguardavano affatto il suo successo personale.

Il nostro testo, invece, ci viene a ricordare che la meravigliosa opera di Dio è in grado di stupirci facendoci vedere l’inverosimile e realizzare l’inaspettato.

Sebbene Dio avesse più volte preannunciato il ritorno del popolo in Israele essi non potevano immaginare i tempi e i momenti in cui sarebbe accaduto.

Quando, come un fiume improvviso e irrefrenabile, i reduci cominciarono a ritornare e le macerie iniziarono a svanire per far posto all’altare, al tempio, alle mura e alle porte, a loro sembrava di sognare.

In un certo senso quello che accadeva sotto i loro occhi era troppo bello per essere vero e l’unica spiegazione plausibile sembrava che stessero sognando ad occhi aperti.

Eppure non stavano sognando. Dio stava donando loro l’avvenire e la speranza che Lui stesso aveva promesso circa settant’anni prima.

Carissimo, forse ti stai consumando nell’attesa di realizzare i “tuoi” sogni e non ti rendi conto che Dio, nella Sua infinita sapienza, sta già operando secondo la Sua Parola per manifestare la Sua gloria nella tua vita?

Forse oggi dovresti svegliarti dai tuoi sogni personali e fidarti completamente di Lui per scoprire che il sogno più bello non è quello che fai mentre dormi, ma ciò che realizzi, per la Sua grazia, ad occhi aperti.

E chissà che tu non lo stia già vivendo ma non sei in grado di riconoscerlo perché non è come te l’aspettavi!


Aniello & Rosanna Esposito

Twitter: @adiportici

Il testo di questa meditazione, come tutti i testi pubblicati su questo sito, può essere liberamente distribuito senza scopo di lucro, citando la fonte, l’autore e il sito web da cui è stato tratto.